800 974250

Top

Forum nazionale E.C.C. novembre 2014

AICAT / Forum Nazionale E.E.C.  / Forum nazionale E.C.C. novembre 2014
Forum E.E.C. - Il futuro della formazione “dal dire al fare”

Forum nazionale E.C.C. novembre 2014

Il futuro della formazione “dal dire al fare”

Firenze, 14 – 16 novembre 2014

Estratto dal documento di sintesi

Hanno partecipato 53 persone provenienti da Umbria, Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Puglia, Piemonte, Veneto, Sardegna, Toscana, Trentino, Lazio, Basilicata, Abruzzo, Friuli, Lazio.

Nella relazione introduttiva il presidente AICAT Nello Baselice ha illustrato le attività della E.E.C. in atto e le sperimentazioni in corso sottolineando alcuni aspetti di processo riassumibili nei seguenti passaggi :

  • Chi propone la sperimentazione
  • Cosa motiva una sperimentazione
  • Quali obiettivi si propone
  • Quali criteri di realizzazione vanno adottati
  • Quali indicatori sono utilizzati per la valutazione del suo esito.

Tutto questo con la finalità di ascoltare il territorio riconoscendone bisogni e risorse. Occorre promuovere innovazione e crescita ma in una logica di coesione e di solidarietà su principi e programmi, nella consapevolezza che l’autonomia operativa non è disimpegno né esenzione dalla corresponsabilità di un governo condiviso della formazione nel Sistema Ecologico Sociale.

“Non vivremo mai la bellezza e il piacere dello stare insieme se ciò fosse solo frutto dell’ottemperanza a regole, vincoli, obblighi o prescrizioni. Riusciremo a incarnare il desiderio e il bisogno di essere uniti se ci sforzeremo di vederci e di vivere come persone solidali. Ma per essere tali dobbiamo decidere di educarci a pensare e ad agire come comunità ritornando a sviluppare forti legami di amicizia.”

Il Forum è proseguito con una riflessione proposta dalla segreteria sulla effettiva funzione propositiva e costruttiva del Forum chiedendosi se:

• Riteniamo davvero che il Forum sia utile allo sviluppo dei programmi territoriali?

  • Riteniamo davvero che le argomentazioni e le proposte condivise nel Forum possano essere terreno di lavoro per tutti i nostri territori?
  • Sappiamo spingerci ad una sperimentazione che sia frutto di una condivisione di intenti e obiettivi e che soprattutto sia poi verificabile nei risultati secondo criteri concordati?
  • Sentiamo la corresponsabilità del lavorare insieme per il bene di tutti?
  • Solo dando una risposta a queste riflessioni allora potremo dire che il Forum è un patrimonio a cui attingere per “saper fare” soprattutto “insieme”.

Il pomeriggio è proseguito con la presentazione della sperimentazione, già annunciata al Forum di Napoli, e attualmente in corso in Trentino sui Club di Ecologia Famigliare già attivati nelle ACAT Vallagarina e Montalbano e sull’esperienza di Rovereto e Tione sui “Corsi di sensibilizzazione all’Approccio Ecologico Sociale al benessere della comunità come evoluzione dell’Approccio Ecologico Sociale ai problemi alcol correlati e complessi”.

È seguita una lunga, vivace ed animata discussione che ha messo in evidenza le implicazioni che questa sperimentazione determina.

Infatti se da un lato questa si prefigge di estendere la fruibilità dell’AES verso disagi o sofferenze non alcol correlate per rispondere ai bisogni delle micro- comunità, dall’altra rischia di depotenziare la capacità di accoglienza della multidimensionalità nei CAT.

Si conviene di soprassedere ad eventuali cambiamenti organizzativi di tipo formale (Statuti) durante la sperimentazione.

Si chiude il confronto proponendo che si approfondiscano le interazioni e i compiti di CAT e CEF nei programmi sperimentali in atto e che ad un prossimo Forum vengano presentati risultati idonei a valutare questa sperimentazione.

Sabato mattina l’ACAT di Salerno ha presentato la proposta di un corso Monotematico su “L’Approccio Ecologico Sociale e i problemi azzardo correlati”. Il corso verrà realizzato in data 24-25 aprile 2015.

È seguita la presentazione da parte delle ARCAT Lombardia e Sardegna e dei Forum Territoriali della Lombardia e Piemonte, del “Corso sperimentale dei servitori insegnanti per l’insegnamento nell’Educazione Ecologica Continua dei programmi alcologici territoriali”.

Dopo ampio dibattito teso a ridefinire obiettivi, destinatari ed articolazione del programma per una sua migliore fruibilità, si riconosce l’utilità della proposta e si rimanda l’attuazione del corso a dopo il Coordinamento dei Direttori/Coordinatori, in modo da accogliere nel programma le indicazioni sui contenuti del C.d.S.

Si è presa visione della versione definitiva del documento su: Educazione Ecologica Continua nel Sistema dei Club Alcologici Territoriali, Educazione al “Saper fare insieme” che conclude il Gruppo di Lavoro. Il documento viene inviato al Direttivo AICAT per l’approvazione.

La mattinata si conclude con la presentazione dei lavori del Forum territoriale del Piemonte, svoltosi a Collegno (TO) il 21 settembre 2014, dove si sono evidenziate le difficoltà di questi programmi con particolare riguardo alla carenza di formatori ed alla difficoltà di avvicendamento dovuta alla scelta di alcuni Direttori che risultavano importanti punti di riferimento per l’intero sistema.

Il pomeriggio di sabato è proseguito con la presentazione del corso Monotematico sperimentale pro- posto dal Gruppo di Lavoro sulla Comunicazione, rivolto ai servitori insegnanti sul tema della “Comunicazione Ecologica” che si terrà a: Villa Rospigliosi, Centrale Di Zugliano, Via San Rocco, 2  da venerdì 27 a domenica 29 marzo 2015 con programma da definire.

Vengono di seguito presentate le sintesi a cui è pervenuto il G.d.L. sulle SAT di terzo modulo completati dalla proposta di adottare un questionario che permetta di valutare l’efficacia delle varie modalità di svolgimento prese in considerazione. Si è ampiamente convenuto sulla opportunità di adottare una definizione rivolta alla “sensibilizzazione sugli stili di vita”. Si conviene che la forma più opportuna di questi incontri sia quella delle due serate, non escludendo possibilità di realizzazioni diverse in relazione alle disponibilità del territorio. Il GDL viene stimolato a proseguire il suo lavoro sui contenuti e sulla verifica degli esiti.

Infine viene presentato il documento di sintesi del Gruppo di Lavoro sul Corso di Sensibilizzazione in cui vengono definiti i criteri generali con cui preparare ed attuare il prima, il durante e il dopo corso.

Si conviene che il documento venga completato dal Gruppo di Lavoro, in conformità alle indicazioni che verranno prodotte dal coordinamento dei Direttori/ Coordinatori rispetto ai contenuti e all’organizzazione del programma.

Così come verrà completata la revisione del manuale dello Staff e della segreteria organizzativa e operativa.

In conclusione di questo Forum si conviene che il prossimo Forum che si terrà dal 13 al 15 marzo 2015 sia dedicato al lavoro associativo.

Per permettere l’attuazione delle sperimentazioni in atto ed il completamento del lavoro del coordinamento dei Direttori/ Coordinatori e degli aspetti ad esso collegati, il Forum successivo, è programmato per il mese di novembre 2015.

Share

No Comments

Post a Comment