800 974250

Top

Forum nazionale E.C.C. marzo 2017

AICAT / Forum Nazionale E.E.C.  / Forum nazionale E.C.C. marzo 2017
Forum E.E.C. - “Cittadini corresponsabili del benessere delle nostre comunità”

Forum nazionale E.C.C. marzo 2017

“Cittadini corresponsabili del benessere delle nostre comunità”

Firenze, 18-19 Marzo 2017

Nei giorni 18/19 Marzo 2017 si è svolto a Firenze il 18° Forum Nazionale dell’EEC dedicato al servizio associativo e che ha visto la partecipazione di 40 persone in rappresentanza della larga maggioranza dei programmi alcologici territoriali italiani.

Dopo una introduzione del Presidente AICAT, Marco Orsega, sulla valorizzazione del Forum come spazio in cui confrontarsi in modo franco ed aperto sulle esperienze presentate nel lavoro associativo, Nello Baselice ha sottolineato i due punti su cui focalizzare l’attenzione del lavoro di questo Forum:

  • Verificare la disponibilità delle ARCAT a recepire e realizzare in loco alcune esperienze di Corsi Monotematici e/o altri eventi dell’EEC ritenuti strategici per una nuova stagione di crescita del sistema Ecologico Sociale
  • Ipotizzare un percorso di aggiornamento condiviso per individuare e mettere in pratica nuove modalità di lavoro delle reti associative (nel solco delle suggestioni proposte nel Cantiere delle Associazioni)

Partendo da un riepilogo dei punti salienti delle sintesi dei Forum di questi anni, ci ha invitati a discutere su quale crescita ci sia stata dal 2013 ad oggi e con quali strumenti possiamo valutare le esperienze “sperimentali”.

Sono seguiti gli interventi preordinati riguardanti le esperienze di Corsi Monotematici o altri momenti di EEC e di valutazione del loro impatto nella crescita dei programmi territoriali. In particolare sono state presentate le esperienze effettuate in Emilia Romagna, Lombardia, Trentino, Abruzzo, Campania, Umbria, Veneto, da cui si rileva l’orientamento alla moltiplicazione dei Corsi di promozione del benessere nella Comunità; la disseminazione dei Corsi Monotematici sulla Comunicazione in Emilia Romagna, Lombardia, Umbria e Trentino che rispondono ai criteri di autoreplicabilità e di auto mantenimento. Si evidenzia inoltre il lavoro di rinnovamento ed evoluzione dei contenuti delle Scuole finora definite alcologiche territoriali di I, II e III modulo, per le quali è in atto una discussione approfondita che implica anche il cambiamento della terminologia (Scuole di Ecologia Sociale/Familiare – Seminari – Incontri con la Salute) che le definisce e sottende l’evoluzione dell’accoglienza della multidimensionalità della vita e del bisogno di benessere della persona.

Tale processo sarà sostenuto attraverso il rilancio di un gruppo di lavoro aperto su base nazionale che verifichi in concreto la possibilità di sottoporre le esperienze che saranno raccolte ad un confronto approfondito e alla condivisione di un possibile canovaccio generale nel Forum di Novembre.

Viene data inoltre comunicazione del VII Incontro Regionale sulla Spiritualità Antropologica per Servitori Insegnanti dei Club Alcologici Territoriali svoltosi l’11 Marzo u.s. a Carbonia (CA). L’ARCAT Sardegna inoltre organizzerà il 26-27-28 Maggio p.v. ad Iglesias (CA) un Corso Monotematico dal titolo “Club Hudolin”.

Nella discussione che è seguita alle presentazioni sono stati ulteriormente approfonditi gli aspetti succitati. E’ emersa la consapevolezza e l’urgenza di affrontare e risolvere un grave ritardo nel livello attuale di aggiornamento dei membri di Club rispetto alla condivisione di questi contenuti dell’EEC, per cui l’implementazione delle Scuole si conferma come uno strumento tuttora efficace per colmare questa distanza avvertita.

Si è discusso poi di alcuni aspetti di burocratizzazione e condivisione effettiva a livello associativo, laddove la condivisione sia uno strumento di confronto e di co-costruzione.

Viene sottolineato come tra tante difficoltà si apprezzi l’inizio di un processo di graduale anche se lenta uscita dalla fase di stasi in cui versa il Sistema Ecologico Sociale grazie ad una diffusa voglia di fare testimoniata da un proliferare di molteplici iniziative formative, che dovrebbero essere improntate alla replicabilità, all’accessibilità ed anche alla fruibilità economica soprattutto nelle situazioni e nei territori in cui si osserva un rallentamento nello sviluppo dei Programmi.

Si richiama l’attenzione sul porre al centro l’incontro della persona nella sua multidimensionalità pur riconoscendo e sottolineando le potenzialità insite nella presentazione alla Comunità della risorsa dell’Approccio Ecologico Sociale rispetto al Benessere della persona, della Famiglia e della Comunità.

I lavori del pomeriggio sono stati coordinati da Manfredo Bianchi che ha inizialmente presentato il Progetto AICAT “Sobrietà insieme nelle Reti della Salute” finanziato da Fondazione con il Sud come opportunità utile a rinnovare i modelli di lavoro delle reti associative attraverso l’impegno a sostenere lo sviluppo del sistema ecologico sociale al Sud. Al fine di facilitare la realizzazione degli interventi verrà compilata in ogni regione interessata una scheda per rilevare i bisogni formativi e i territori nei quali intervenire.

Il Presidente AICAT comunica che l’evento programmato a Roma in occasione del ventennale di Hudolin si svolgerà il 3 Maggio p.v. presso l’ Auditorium “Cosimo Piccinno” Lungotevere Ripa, 1 – Roma. Viene illustrato il programma e gli obiettivi del Convegno.

La comunità del Forum è stata poi sollecitata a confrontarsi sul tema proposto per il laboratorio comunitario, cioè l’assunzione in prima persona della responsabilità di ogni membro di club ad attivarsi come cittadino capace di porsi in sintonia con le aspettative di un miglioramento degli stili di vita presenti nella propria comunità.

Viene proposta e condivisa la possibilità di organizzare una SAT di secondo modulo da realizzare in ogni realtà territoriale nella settimana che va dal 9 al 14 ottobre 2017 dal titolo condiviso “Cosa io posso fare per il benessere personale,familiare e della comunità?”.

La modalità di lavoro della SAT sarà quella di introdurre il tema attraverso degli stimoli che porteranno i membri di club a discutere e a decidere interventi concreti da attuare a partire da un impegno in prima persona.

In merito alla Settima Giornata Nazionale dei Club – che intende enfatizzare il valore del Club Alcologico Territoriale come percorso di crescita nell’impegno civico – si è convenuto che venga redatta una lettera da parte del Presidente AICAT, in cui si presenti l’Associazione nel suo ruolo di advocacy nella promozione della salute. L’obiettivo è quello di invitare i Sindaci dei Comuni nei quali si opera come ACAT o Club ad attivarsi nel vigilare sul rispetto della normativa vigente in materia di consumo di bevande alcoliche, con particolare attenzione alla tutela dei minori, soprattutto in occasione di manifestazioni legate a Festività, sagre e quant’altro. Laddove i rapporti di collaborazione con le Amministrazioni Comunali siano già consolidati e tradotti in azioni di cittadinanza, l’occasione della consegna della lettera potrà essere un ulteriore stimolo nella prosecuzione del lavoro.

La discussione ha evidenziato la necessità che il Forum di primavera diventi un momento di avvio e di restituzione di un lavoro di un anno su temi di servizio civico delle associazioni che trovi il suo culmine nel mese di aprile dedicato alla prevenzione alcologica.

A conclusione dei lavori e in attesa di rivederci al prossimo Forum del 18 e 19 novembre p.v., i presenti propongono di indire il prossimo Forum dedicato al lavoro associativo nei giorni 17/ 18 marzo 2018 .

Il presente documento sarà inviato alla rivista Camminando Insieme, all’AICAT ,alle ARCAT e sarà divulgato attraverso i vari canali di comunicazione multimediale collegati ai programmi del sistema ecologico sociale.

Share

No Comments

Post a Comment